I cookie su Pottermore

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile su Pottermore e per permetterti di sfruttare tutte le funzioni offerte dal sito. Se prosegui senza modificare le impostazioni sui cookie, acconsenti a ricevere tutti i cookie dal nostro sito. Se lo desideri, potrai comunque modificare in qualsiasi momento tali impostazioni. Ulteriori informazioni.

Continua

Per espolorare questo contenuto devi avere lo Javascript attivo. Per le istruzioni, consulta la pagina di Assistenza di Pottermore

To experience the content here, you need to disable Private Browsing. To do this open a new tab then tap ‘Private’ in the bottom left hand corner of the window, then tap "Keep All". You may need to reload the page.

To experience the content here, you need to disable Private Browsing. To do this click on the word 'Private' in the address and search bar, select OK and then reload the page

skip navigation

Testi inediti di J.K. Rowling

Scopri nuove informazioni sul mondo di Harry Potter e testi inediti scritti da J.K. Rowling. Leggi un resoconto della vita della professoressa McGranitt prima di diventare preside a Hogwarts, immergiti nella storia della famiglia Malfoy, scopri nuove informazioni sul creatore della Polvere Volante e molto altro ancora. Iscriviti.

Abbigliamento

Nuovo da J.K. Rowling

I maghi che si aggirano nella comunità babbana si riconoscono reciprocamente indossando il viola, il verde o più spesso una combinazione di questi due colori. In ogni caso si tratta di una regola non scritta e nessuno è obbligato a rispettarla. Quando sono impegnati nel mondo babbano, moltissimi membri della comunità magica preferiscono indossare abiti del proprio colore preferito, oppure vestono di nero, molto pratico soprattutto negli spostamenti notturni.

Lo Statuto Internazionale di Segretezza ha stabilito chiare linee guida sull'abbigliamento di streghe e maghi che si mostrino in pubblico.

Quando si trovano con i Babbani, i maghi e le streghe dovranno adottare un abbigliamento completamente babbano, conforme il più possibile alla moda del tempo. Gli indumenti dovranno essere adatti al clima, alla regione geografica e all'occasione. Non è permesso indossare in presenza di Babbani vestiti a cui siano state apportate personali modifiche o ritocchi.

Nonostante queste chiare istruzioni, le trasgressioni al codice d'abbigliamento sono sempre state tra le infrazioni più comuni dello Statuto di Segretezza fin dalla sua entrata in vigore. Da sempre le giovani generazioni tendono a essere più aggiornate sulla cultura babbana; da bambini i maghi si mescolano liberamente ai loro coetanei non maghi; in seguito, invece, quando intraprendono le loro carriere nella magia, è più difficile che restino in contatto con le comuni tendenze dell'abbigliamento babbano. Spesso le streghe e i maghi più anziani dimenticano del tutto la rapidità con cui cambiano i costumi nel mondo babbano: con i loro pantaloni a zampa psichedelici acquistati in gioventù, si indignano quando, cinquant'anni dopo, vengono convocati davanti alla corte del Wizengamot per aver arrecato pubblica offesa a un funerale babbano.

Il Ministero della Magia non è sempre così rigido. Una deroga di ventiquattr'ore fu concessa il giorno in cui si diffuse la notizia della scomparsa di Lord Voldemort, dopo che Harry Potter era sopravvissuto all'Anatema che Uccide. L'entusiasmo fu così grande che streghe e maghi scesero in strada in abbigliamento tradizionale, vuoi perché avevano dimenticato di cambiarsi, vuoi perché quegli stessi abiti simboleggiavano la loro esultanza.

Alcuni membri della comunità magica si danno molto daffare per ottenere l'abolizione della clausola sull'abbigliamento dello Statuto di Segretezza. Una piccola schiera di attivisti denominata P.E.T.O. (Per Esprimersi Totalmente Ovunque)* insiste nell'affermare che i pantaloni babbani 'bloccano il flusso della magia alla fonte' e si ostinano a indossare la veste da mago in pubblico, nonostante i ripetuti richiami e le multe. ** Più di rado capita che i maghi indossino deliberatamente un comico mix di abiti babbani, per esempio una sottogonna rigida abbinata a un sombrero e a scarpette da calcio. ***

Nel complesso, il guardaroba dei maghi non è stato scalfito dalle mode, anche se piccoli aggiustamenti sono stati apportati a certi capi, ad esempio agli abiti da cerimonia. La tenuta standard di un mago prevede una veste in tinta unita, abbinata o meno al tradizionale cappello a punta, ed è sempre adottata nelle occasioni formali come battesimi, matrimoni e funerali. Gli abiti femminili sono tendenzialmente più lunghi di quelli maschili. Ispirato ai costumi del XVII secolo, si può dire che l'abbigliamento di maghi e streghe sia rimasto invariato da quel tempo, epoca in cui i membri della comunità magica si diedero alla macchia. Il loro nostalgico seguire questo stile antiquato nell'abbigliamento può essere visto come un attaccamento ai vecchi tempi e alle usanze di una volta, come una questione di orgoglio culturale.

Tuttavia, sempre più spesso oggigiorno, anche chi detesta i Babbani ha adottato qualche capo del loro abbigliamento, che è innegabilmente più pratico se paragonato alle tuniche dei maghi. Gli antiBabbani tentano spesso, infatti, di dimostrare la loro superiorità esibendo in pubblico un look volutamente eccentrico, fuori moda, o dandy.

* Presidente: Archie Aymslowe.

** Pare che finora i Babbani li abbiano scambiati per membri di qualche culto.

*** Agli occhi dei Babbani sono studenti coinvolti in qualche strana sfida.

Per poter leggere altri testi inediti di J.K. Rowling devi iscriverti e aprire un account gratuito su Pottermore.com